La posizione per saldare, sia a elettrodo, sia a filo

posizione per saldare

Tempo di lettura: 1 minuto e 25 secondi

Saldare è facile e tutti possono farlo.
Per realizzare oggetti WOW, però, serve anche una buona dose di pratica, come in tutti gli hobby. Ecco perché abbiamo deciso di darti una mano e svelarti il segreto di un progetto fai da te di successo: una buona saldatura. E come si ottiene una buona saldatura? – te lo stai chiedendo, eh? – Si ottiene con la giusta posizione per saldare.
Se non hai mai saldato o saldi da poco, questo articolo è per te. Ti diciamo come ti devi mettere per imparare a saldare. E ottenere un buon risultato.

Saldatura a elettrodo: posizioni di saldatura su una superficie piana

Partiamo con la regola base: assicurati di vedere bene il punto da saldare – se vuoi fare il figo, puoi chiamarlo “bagno di saldatura”.
Regola n. 2: cerca sempre un appoggio che ti dia stabilità e mantieni la testa perpendicolare alla punta dell’elettrodo.
Regola n. 3 – l’ultima, giuriamo: punta l’elettrodo in posizione verticale e leggermente inclinata rispetto al piano e fai in modo di vedere sia la parte da saldare, sia la parte già saldata. Ovvero, il “prima” e il “dopo” della tua saldatura.
Ovviamente la direzione che prenderai per saldare dipende dalla mano che usi: se è la destra, andrai da sinistra a destra, se sei mancino/a allora andrai da destra verso sinistra.
Facile, no?

Allora, le cose, complichiamole un po’!
Saldare in orizzontale sul piano di lavoro è la cosa più semplice. Saldare in orizzontale e sospesi (come quando scrivi su una lavagna per capirci), è un po’ più difficile. Ma non impossibile! In questo caso ti basterà tenere l’elettrodo inclinato tra i 5° e i 15°.
Saldare in verticale rende ancora più difficili le cose ma noi ti conosciamo bene: tu non demordi mai, vero? Nella saldatura a elettrodo in verticale l’inclinazione dell’elettrodo dipende dal verso in cui saldi: se è ascendente tieni un angolo tra i 5° e i 15°, se è discendente l’angolo sarà di 65°.
Per approfondire la differenza tra saldatura verticale ascendente e saldatura discendente, vai a questo articolo.
Saldare sopra la propria testa è roba da duri, fidati. Magari ne riparliamo quando avrai fatto un po’ di pratica!

Nel frattempo, puoi leggere di più sull’inclinazione dell’elettrodo qui.

Saldatura a filo: quale posizione per saldare?

Anche qui c’è una regola base: la torcia va sempre impugnata con entrambe le mani. Immagina di tenere in mano una matita per scrivere: prendi la torcia verso la metà dell’impugnatura.
Prima di iniziare a saldare trova l’angolo giusto: ti consigliamo di rimanere tra i 5° e 15°. E non scordare di mantenere una visuale sulla parte da saldare ma anche su quella già saldata, proprio come con l’elettrodo.

Se vuoi saperne di più, guarda anche l’articolo sulla posizione della torcia per la saldatura a filo.

Ora puoi iniziare a usare bene la saldatrice fai da te. Pronto? Pronta? In posizione… Via!

Categorie
Facebook
Twitter
Telegram
WhatsApp
Email
Print